Porta Santo Stefano

 

Porta Santo Stefano (o Porta delle Grazie) sorge nel tratto di cinta muraria compreso tra la lunetta Santo Stefano e il Campo Trincerato della Cittadella, proprio in corrispondenza dell'arrivo della strada -un tempo ben più importante di ora - che dal Piano San Lazzaro conduce in città attraverso la via che porta lo stesso nome. Questo importante ingresso della città è rappresentato da una severa costruzione in laterizio con coronamento in pietra d'Istria, eretta dai Francesi che avevano già delineato in terra questo tratto di cinta, restaurata ed ampliata nei nuovi lavori nell'ambito della Piazzaforte di Prima Classe, in epoca post-unitaria. Vi sono 14 locali casamattati della superficie di mq. 560, a destra ed a sinistra della porta. Cinque di questi sono per il ricovero truppe, altri cinque per immagazzinare materiale d'artiglieria e del Genio; gli altri quattro sono divisi in più piccoli vani per corpo di guardia, Ufficiale di Picchetto, alloggio Ufficiali, prigione e servizi. Vi è anche installato il posto di controllo del Dazio di Consumo. Il sottotetto della costruzione è protetto con spesso strato di sabbia.

L'impianto è molto simile a quello di Porta Cavour, ma meno monumentale. Anche le dimensioni sono ridotte: vi è un unico varco che, tramite un ponte in legno, mette in comunicazione con la controscarpa. Internamente la porta si presenta con un bugnato liscio in mattoni rossi a corsi orizzontali con un unico stacco di colore dato dalla pietra d'Istria che nella parte inferiore forma uno zoccolo basso e continuo. La parte alta è attraversata da una semplice modanatura che rende l'impressione dei pilastri. Tale modanatura, ripiegandosi senza soluzione di continuità in corrispondenza delle arcate riprende la tradizione neo-rinascimentale già incontrata nella Porta Cavour. Anche il coronamento in pietra d'Istria è semplice ed è composto da un cornicione in leggero aggetto rispetto al piano principale di giacitura della facciata. Per differenziare la parte occupata dalle strutture ausiliarie adiacenti il progettista Giuseppe Morando realizza i corpi di fabbrica laterali invertendo i colori utilizzando pietra bianca del Conero ed evidenziando le arcate con il mattone rosso. Questo fa sì che la porta sia ben definita pur rimanendo inglobata in una struttura più ampia.

Esternamente la facciata, sempre in mattoni, ha un bugnato con un unico fornice centrale e si presenta massiccia ed imponente nonostante le modeste dimensioni. In questo caso, la pietra d'Istria viene usata esclusivamente nel basamento e nella corona senza eccessive modanature per lasciare l'aspetto semplice ma possente come s'addice ad una porta di difesa della città.

Facciata esterna della porta.

Facciata interna della porta.